Fake is FakingFake is FakingFake is Faking
Bologna, Italy
(dalle 8 alle 22)
Fake is FakingFake is FakingFake is Faking

FAKE IS FAKING :
SEGNALAZIONE E PROTEZIONE DAI PROFILI FALSI

Il problema dei profili falsi e delle azioni illegali che vengono compiute nell’anonimato è molto serio e non sempre esistono servizi che possano realmente tutelare chi è vittima di questi sconosciuti senza scrupoli. Basta davvero poco per creare un profilo falso e fare una recensione su google non vera e diffamatoria, così come è sufficiente creare un profilo con un nome di fantasia per molestare o intimidire una persona sui social network. Molto più difficile, al contrario, ottenere giustizia con la rimozione dei contenuti inseriti o l’eliminazione di account fraudolenti. Per questi motivi nasce il sito www.fakeisfaking.com ove i presunti profili finti, autori di minacce, diffamazioni, recensioni negative, stalking e truffe vengono segnalati e perseguiti con una più efficace intimidazione fino ad una azione legale vera e propria sotto la supervisione di un team di esperti di informatica legale guidati dal Dott. Emanuel Celano dello studio “Informatica in Azienda” di bologna.

FAI LA SEGNALAZIONE DI UN PROFILO FINTO

COME IDENTIFICARE UN PROFILO FALSO

Se lo scopo è identificare l’IP dell’autore del profilo falso occorre effettuare un tracciamento. Ottenere l’indirizzo IP di un profilo falso è utile se si vuole procedere con una denuncia. Se interessati all’argomento : “Trova indirizzo IP di un profilo ( social o chat ), di una email o di un computer e cellulare – click qui -“ 

STOP ALLE MOLESTIE DEI FAKE PROFILES

Oltre ai suggerimenti già forniti se siete vittima di un molestatore potete leggere, in aggiunta, questa utile guida “Stop alle molestie su facebook e sui social : ecco come fermare il molestatore se sei vittima di stalking – click qui”. Desideri presentare una denuncia per i reati commessi da un profilo instagram o facebook che ti ha scritto privatamente ? Hai subito minacce, intimidazioni o sei vittima di stalking ? Se volete dimostrare con valore legale il contenuto di un messaggio privato ricevuto da un profilo vi occorre una copia autentica. Il servizio di copia autentica messaggi instagram e messenger (facebook)  – click qui – fornisce valore probatorio ai contenuti privati ricevuti, ricordandovi che uno screenshot non ha valore legale.

andrea-silvestri

Andrea Silvestri

leggi
glory

mister_glorihole

leggi
zhuh347

zhuh347

leggi
stef.anino93

stef.anino93

leggi
Rollapool17

Rollapool17

leggi
lisa_ventura

Lisa Ventura

leggi
alex

alexzander_stanley

leggi
2020-09-06_162454

aurora_sofiani

leggi

Lorenzo Ferri

leggi

Richiedi un preventivo senza impegno

Compila il nostro modulo ed ottieni informazioni

CONDANNE PENALI E REATI INFORMATICI COMPIUTI DA CHI CREA PROFILI FINTI SUI SOCIAL NETWORK

Chi crea profili falsi sui social network si rende responsabile nella maggioranza dei casi di due reati : quello di sostituzione di persona e quello di diffamazione aggravata. Circa il primo, integra il reato di sostituzione di persona (art. 494 cod. pen.) la condotta di colui che crea ed utilizza un “profilo” sui social network con l’immagine di una persona che ne è del tutto inconsapevole con lo scopo di appropriarsi dell’identità altrui e far cadere gli altri in inganno (evidenzia sia il fine di vantaggio, consistente nell’agevolazione delle comunicazioni e degli scambi di contenuti in rete, sia il fine di danno per il terzo, di cui è abusivamente utilizzata l’immagine). Per il secondo, la condotta del ricorrente, oltre al reato previsto dall’articolo 494 del codice penale, integra anche la diffamazione aggravata ai sensi dell’articolo 595, comma 3 dello stesso codice, sotto l’aspetto dell’offesa arrecata «con qualsiasi altro mezzo di pubblicità» diverso dalla stampa. Secondo l’art. 494 del codice penale, chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio ( il concetto di vantaggio non si esaurisce nella sola finalità economica ma è più ampio, coinvolgendo anche quello di visibilità online )  o di recare ad altri un danno, induce taluno in errore, sostituendo illegittimamente la propria all’altrui persona o attribuendo a sé o ad altri un falso nome, un falso stato, ovvero una qualità a cui la legge attribuisce effetti giuridici, è punito, se il fatto non costituisce un altro delitto contro la fede pubblica, con la reclusione fino ad un anno. Per approfondimenti in tema di diffamazione sui social [ click qui ].

 Il nostro ordinamento sanziona penalmente chi crea profili fittizi o utilizza foto altrui per indurre terzi in errore con diverse finalità. Riportiamo alcune recenti sentenze :

  • Cassazione Penale Sez. V,  sentenza n. 22049 del 06/07/2020 – Integra il delitto di sostituzione di persona la condotta di colui che crea ed utilizza un “profilo” su “social network“, servendosi abusivamente dell’immagine di un diverso soggetto, inconsapevole, in quanto idonea alla rappresentazione di un’identità digitale non corrispondente al soggetto che ne fa uso. (Fattispecie relativa alla creazione di falsi profili “facebook“)
  • Secondo la Corte di Cassazione (sent. n. 9391/2014), creare profili falsi su Facebook non è di per sé reato, anche se le regole del social vietano tale pratica. Con la medesima sentenza la Suprema Corte ha specificato che non è reato la mera creazione di fake account Facebook, non riconducibili a una specifica persona: la circostanza integra un semplice illecito civile, per violazione delle regole contrattuali, che verrebbe ad esistenza solo su iniziativa della società ideatrice del programma. Diventa reato se si utilizza l’immagine di un’altra persona o se il fine è di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno.
  • CASSAZIONE PENALE Sez. V – , Sentenza n. 22049 del 06/07/2020
  • Secondo la Corte di Cassazione (sentenza n. 33862 dell’08/06/18), «integra il delitto di sostituzione di persona (art. 494 cod. pen.) la creazione ed utilizzazione di un profilo su social network, utilizzando abusivamente l’immagine di una persona del tutto inconsapevole, trattandosi di condotta idonea alla rappresentazione di una identità digitale non corrispondente al soggetto che lo utilizza»
  • Anche l’impiego di una foto profilo altrui costituisce reato. Secondo la Suprema Corte, l’utilizzo abusivo dell’immagine di una persona inconsapevole è condotta idonea alla rappresentazione di una identità digitale non corrispondente al soggetto che la usa (Cass., sent. 22049/2020
  • Cassazione Penale Sez. V,  sentenza n. 25774 del 23/04/2014
  • Gli ermellini con la sentenza n. 22049 del 2020 riprendono quanto precisato dalla Corte di Cass. Sez. V, n. 25774 del 23/04/2014, secondo la quale “integra il delitto di sostituzione di persona (art. 494 cod. pen.) la condotta di colui che crea ed utilizza un “profilo” su social network, utilizzando abusivamente l’immagine di una persona del tutto inconsapevole, associata ad un “nickname” di fantasia ed a caratteristiche personali negative, e la descrizione di un profilo poco lusinghiero sul “social network” evidenzia sia il fine di vantaggio, consistente nell’agevolazione delle comunicazioni e degli scambi di contenuti in rete, sia il fine di danno per il terzo, di cui è abusivamente utilizzata l’immagine

Consigliamo di fare una COPIA AUTENTICA DEL PROFILO SOCIAL FAKE [ click qui ], da allegare alla denuncia alle Forze dell’Ordine, PRIMA di segnalare il profilo, in quanto, se andate a fare una denuncia ed il profilo è stato già cancellato, senza una prova legale, non avrete nulla che dimostri che in quella data ed in quel giorno esatto questo fosse online.

Le motivazioni che portano alla creazione di un profilo falso possono tuttavia essere molteplici e non esaurirsi nelle due casistiche appena citate. Ecco alcuni reati commessi da chi crea profili falsi :

  • STALKING : se viene creato un profilo falso per perseguitare una persona. La persona che ha aperto il profilo falso rischia fino a 4 anni di reclusione. Stalking ? No grazie : mettere ko uno stalker e raccogliere le prove per una denuncia [ click qui ]
  • SOSTITUZIONE DI PERSONA : se viene creato un profilo falso utilizzando il nome di un’altra persona, conosciuta o meno, utilizzando una sua foto o inserendo altri elementi propri di quella persona tali da far cadere gli altri in inganno. Reato riferito all’art. 494 cod. pen. (*) punibile con la reclusione fino ad 1 anno. Presupposto del reato è che chi crea il profilo fake abbia l’intenzione di far credere agli altri di essere veramente quella persona. Anche se il codice penale richiede un profitto come scopo del reo, l’utilità può essere costituita anche da un rapporto affettivo o fisico. Anche la falsa attribuzione di una qualifica professionale può integrare il reato di sostituzione di persona.
  • SOSTITUZIONE DI PERSONA TRAMITE NICKNAME : Il reato di sostituzione di persona è integrato anche quando si usa il nickname di un’altra persona conosciuta per trarne vantaggio. Mentre non è reato se si utilizza un nickname totalmente inventato.
  • ILLECITO TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI : la creazione di un profilo falso può comportare anche un trattamento illecito di dati personali altrui (foto, nome, ecc.). In questo caso, il titolare dei dati personali a cui è stata rubata l’identità ha una serie di diritti non solo nei confronti di chi ha creato il fake, ma anche nei confronti della società che gestisce la piattaforma sulla quale i dati sono stati illecitamente trattati.

(*) Il Dispositivo dell’art. 494 del Codice penale recita che: “Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno, induce taluno in errore, sostituendo illegittimamente la propria all’altrui persona, o attribuendo a sé o ad altri un falso nome, o un falso stato, ovvero una qualità a cui la legge attribuisce effetti giuridici, è punito, se il fatto non costituisce un altro delitto contro la fede pubblica, con la reclusione fino ad un anno.”

Informatica a 5 stelle !

Informatica in Azienda opera nel settore della sicurezza informatica e consulenza giuridico legale e forense da 20 anni !

Dott. Emanuel Celano

Titolare dello Studio di Informatica Legale e Forense 

Informatica in Azienda dal 2001 ...

Siamo uno staff di informatici, legali e consulenti del lavoro. Siamo mossi da una sincera passione per il nostro lavoro e vi ascoltiamo, in buona sintonia, con ogni tipo di realtà.

Un Network di professionisti al vostro servizio ...

Lavoriamo in sinergia con numerosi Partners per offrirvi servizi completi e professionali

MOTORE DI RICERCA INFORMATICA LEGALE

Mettiamo a disposizione dei nostri visitatori un potente Motore di Ricerca di termini appartenenti all’informatica legale per aiutarvi a trovare una risposta veloce a tutti quesiti informatici sulla privacy, sulla sicurezza, sui rischi informatici e la tutela dei vostri diritti su internet. 

Per iniziare una ricerca fare click sul testo nel BOX QUI SOTTO con dicitura “Ricerca Personalizzata” ed inserire un termine di ricerca.

RISCHI INFORMATICI

Il rischio informatico può essere definito come il rischio di danni economici (rischi diretti) e/o di reputazione (rischi indiretti) derivanti dall’uso delle tecnologie. I danni economici si sviluppano su tre assi : interruzione (danno per interruzione di un servizio), distorsione (danno per diffusione di informazioni errate che compromettono la fiducia e l'integrità delle informazioni stesse) e deterioramento (danni per la perdita di dati). Desideri proteggere te stesso ed i tuoi cari dai pericoli informatici ? Vuoi tutelarti delle frodi online, degli attacchi di virus e malware e attivarti sempre in anticipo sui pericoli della rete che vi elenchiamo qui sotto ? Vuoi navigare in tutta sicurezza sui social network ? Il tuo account è sicuro e ben protetto ? Hai bisogno si supporto per gli aspetti legali legati al web ?

ULTIMI ARTICOLI da "ALLERTA PERICOLI INFORMATICI"

  • Nuove professioni digitali: ecco le figure più ricercate dalle aziendeNuove professioni digitali: ecco le figure più ricercate dalle aziende
    Social media editor, content creator, e-commerce specialist, SEO Specialist, UX Designer… Chi l’avrebbe mai detto che queste sarebbero diventate le professioni digitali del futuro? Proprio così! E anche se risulta ancora un po’ difficile spiegare ai propri genitori o nonni il ruolo e le competenze di queste nuove figure, oggi il… Leggi tutto »
  • MOLESTIE SUI SOCIAL DA PARTE DELL’EX : COME RISOLVERE IL PROBLEMAMOLESTIE SUI SOCIAL DA PARTE DELL’EX : COME RISOLVERE IL PROBLEMA
    Ci capita spesso di ricevere richieste di aiuto per persone che sono oggetto di disturbo da parte di ex compagni o compagne. Vogliamo quindi condividere con i nostri lettori una mini guida che raccoglie alcuni consigli importanti. Vi indicheremo le azioni da compiere, se il tuo ex o la tua… Leggi tutto »
  • Compare annuncio su twitter : messi in vendita i dati personali di 7,4 milioni di italiani vaccinatiCompare annuncio su twitter : messi in vendita i dati personali di 7,4 milioni di italiani vaccinati
    E’ comparso su Twitter un avviso che dice che qualcuno ha postato su un forum sul deep Web un annuncio che offre (a suo dire) i dati di vaccinazione Covid di 7,4 milioni di italiani. Gran parte del campione proverrebbe dal database della web app di vaccinazione della Regione Campania.… Leggi tutto »
  • La metà degli account compromessi da attacchi di phishing è accessibile manualmente entro 12 ore dalla divulgazione del nome utente e della passwordLa metà degli account compromessi da attacchi di phishing è accessibile manualmente entro 12 ore dalla divulgazione del nome utente e della password
    Questa è la velocità con cui una password trapelata sul Web verrà testata dagli hacker. Ho sentito molte persone parlare di come stanno scomparendo le password e di come stia diventando quasi impossibile addestrare un’organizzazione a sviluppare password complesse. Perché tutto questo è importante? Questo articolo di ZDNet mostra quanto… Leggi tutto »
  • Privacy Sandbox è l’alternativa di Google ai cookie : è possibile disattivarloPrivacy Sandbox è l’alternativa di Google ai cookie : è possibile disattivarlo
    Google sta cercando da tempo di decretare la fine dei cookie di terze parti. Al loro posto, per garantire un certo tracciamento pubblicitario, ma non invasivo arrivano i FLoC, ovvero una sorta di gruppi all’interno dei quali vengono catalogati gli utenti, per conoscerne comunque i gusti ma senza conoscere dati… Leggi tutto »
  • Come proteggere smartphone e dati dai furtiCome proteggere smartphone e dati dai furti
    Nessuno è immune al furto dello smartphone, ma potete fare in modo che i ladri non si impossessino nemmeno di un byte dei vostri dati sensibili. Se vi rubano lo smartphone, il danno può andare oltre la perdita del dispositivo stesso; un ladro può causare molti più problemi ottenendo l’accesso… Leggi tutto »
  • ATTENZIONE al finto messaggio BNL : “aggiornamento recapiti”ATTENZIONE al finto messaggio BNL : “aggiornamento recapiti”
    Attenzione alla nuova truffa per email che vi chiede di reimpostare i vostri dati per la banca BNL. Cestinare il messaggio e non fare click su nessun link! Ecco il testo della frode : Siamo molto felici di averti con noi BNL Gruppo BNP Paribas. per poter continuare a garantire… Leggi tutto »
  • I router sono l’anello debole dello smart working in sicurezzaI router sono l’anello debole dello smart working in sicurezza
    I router domestici e SOHO spesso sono poco sicuri; tuttavia, le aziende possono difendersi dagli attacchi ai router dei dipendenti in smart working. Vediamo come. Se parliamo di sicurezza informatica, l’aspetto peggiore del passaggio in massa allo smart working è stata la perdita di controllo sulle reti locali a cui… Leggi tutto »
  • Phishing: gli hacker cambiano tatticaPhishing: gli hacker cambiano tattica
    Con la revoca delle restrizioni lavorative imposte dal COVID-19 e con i dipendenti che iniziano a tornare negli uffici, gli hacker saranno costretti a cambiare tattica. Mentre i lavoratori a distanza sono stati l’obiettivo principale dei truffatori negli ultimi 18 mesi, a causa della migrazione di massa dal lavoro in ufficio al lavoro… Leggi tutto »
  • Torna la TRUFFA DELLE TELEFONATE MUTE DALLA TUNISIA con prefisso +216Torna la TRUFFA DELLE TELEFONATE MUTE DALLA TUNISIA con prefisso +216
    Attenzione alla truffa delle telefonate mute dalla tunisia. Dopo pochi squilli la chiamata viene interrotta, risultando come “persa”. La truffa scatta se provate a richiamare per capire di chi si tratta. Si finisce per chiamare un numero a pagamento come +216 93 966 xxx, in rete si parla di tariffe… Leggi tutto »
Condividi : per copiare URL premere sul pulsante con le due catene

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.

X